Intaglio frutta

Exotic party

Una coppa gelato decorata con una ricca macedonia realizzata con frutta esotica che, oltre a donare colori vivaci ed elementi nutrizionali eccezionali, è considerata un portafortuna per l’anno nuovo


Per creare i ventagli scegliere una mela Granny Smith per il suo gusto aromatico e piuttosto acidulo; un mango allungato verde-giallo dalla polpa fibrosa e infine una papaya che deve risultare morbida al tatto e matura al punto giusto. Lavare e asciugare accuratamente tutti i frutti, con un coltello liscio tagliare alcune fette non eccessivamente larghe e scartare i semi. Le fette di mela vanno maneggiate con molta cura essendo sottili. Disporre ai tre lati della coppa le fette ottenute dall’intaglio. Per realizzare i fiorellini, da una fetta di melone d’inverno tagliare cinque cubetti di uguale grandezza e con un coltellino incidere i quattro spigoli; mentre si taglia far vibrare la lama per produrre l’ondulazione del petalo. Ruotare in senso opposto le due parti. Per il fiore di melone a doppia corolla, dopo aver inciso ogni lato con un taglio semicircolare, togliere la parte in eccesso e ripetere l’operazione.
Scegliere una papaya gialla di media dimensione con la buccia intatta, per realizzare il fiore centrale.
Tagliare il frutto a metà in senso trasversale e con un coltello rigato fare un taglio circolare attorno alla parte centrale del frutto; proseguire a incidere tutto intorno per creare la prima corolla, eliminando la parte in eccesso. Ripetere la corona di incisioni profonde, con la stessa procedura descritta, sulla parte della buccia per creare i petali. Adagiare al centro di tutti i fiori realizzati un ribes per riprodurre il pistillo.

 

CONSIGLIO: scegliere un supporto bianco per far spiccare i colori vivaci della frutta. Proporre gusti di gelato al fiordipanna e alla frutta, l’importante è che abbiano sapori delicati che non coprano quelli della frutta fresca.


Bouquet variopinto

Una macedonia creata con ventagli di mela verde e susine che donano dinamicità all’elaborato e circondano i delicati fiori di pera e melone. Un tocco cromatico è conferito dalla prugna della varietà Sangue di Drago, caratterizzata da polpa e buccia rosso rubino. Una piccola opera d’arte che incanta i sensi

 

 

Una coppa opulenta dai colori nettamente in contrasto e dal gusto fresco. Un fattore importante è quello di non lesinare nella quantità delle guarnizioni di frutta che devono essere posizionate in modo da coprire quasi completamente la panna sottostante. Scegliere una mela Granny Smith, preferita ad altre varietà per il brillante color verde e per il suo gusto aromatico; una susina dalla polpa profumata e soda e una prugna Sangue di Drago. Per prima cosa con un coltellino ben affilato, dividere i frutti nel senso della lunghezza; affettare sottilmente e con grande delicatezza le metà dei frutti ponendo la massima attenzione a non rovinare le bucce. Dividere le fette a piccoli gruppi di cinque o sei e tenendole in mano aprirle a ventaglio. Ricavare da una fetta di melone un cubetto con la buccia e da una pera cinque cubetti. Usando un coltellino incidere i quattro spigoli dalla parte della buccia, con un taglio inclinato verso l’interno. Separare le due parti ruotando con una mano in senso orario e con l’altra in senso antiorario.
Nel centro dei fiori porre ribes, un piccolo lampone oppure un mirtillo per riprodurre il pistillo. Su un piatto adagiare gelato e ricoprirlo di panna montata nella quale va incastonata con senso artistico la frutta scolpita.

ALTERNATIVA: i fiori possono essere sostituiti con gli acini di uva Regina oppure uva rossa. Scegliere gusti di gelato alla frutta o al fiordilatte, comunque sapori delicati per assaporare al meglio la frutta scelta per la composizione.
CONSIGLIO DECORATIVO: arricchire ulteriormente l’elaborato con un topping oppure con granella di frutta secca.


A cura di Beppo Tonon

 

 

Tags
Mostra di più
Back to top button
Close
Close

Sfoglia e scarica gratuitamente il numero 97 marzo/aprile 2020 della rivista

Un piccolo contributo per prepararci al meglio alla prossima ripartenza!