Cioccolateria

Ricetta Carnio – Battiti di cioccolato

Ha la firma di Massimo Carnio il nuovo libro edito da Editrade.
Il volume è diviso in dieci sezioni o meglio in dieci tavoli buffet con il cioccolato come assoluto protagonista.
È dedicato a festività e ricorrenze interpretate con una differente chiave di lettura.


 

 

Prospettiva diversa

Un altro libro di ricette sul cioccolato? Assolutamente no! Molto di più.
Il cioccolato ha ispirato diversi autori, sono stati spesi fiumi di parole, ma Massimo Carnio ha il merito di offrire ai pasticcieri e ai ristoratori una nuova chiave di lettura per realizzare buffet al cioccolato per ogni ricorrenza.
Il volume è strutturato in dieci sezioni con cinquanta ricette: battesimo, comunione, cresima, matrimonio, Natale, Pasqua, compleanno, laurea, San Valentino e carnevale.
Un libro che ha tutto il rigore del manuale di pasticceria. Il suo merito? L’utilizzo di un linguaggio estremamente semplice.
La particolarità del libro? Oltre la pièce, ricette di torte, monoporzioni, finger, cioccolatini; tutto ciò che serve per costruire un tavolo per una ricorrenza o una cerimonia.


Un’idea concreta


Ogni ricorrenza viene interpretata da un’originale pièce, spiegata anche con l’ausilio di dettagliate fotografie che aiutano a capire come realizzarla e assemblarla.
La scelta di soffermarsi sulla costruzione delle opere artistiche guida il lettore nelle preparazioni più complesse.
Un’interpretazione del cioccolato che consente al pasticciere di ampliare la sua offerta applicandosi al catering, proponendo tavoli dedicati interamente al cibo degli Dei.
Per “stuzzicare” la lettura pubblichiamo nelle pagine successive una ricetta rivisitata del tiramisù.
— —

Dopo il diploma inizia a lavorare nel bar pasticceria dei genitori e impara il mestiere dal padre Emilio.
A maggio 2000 inaugura la pasticceria “Alla villa dei cedri”, nei pressi del centro di Valdobbiadene.
Vanta un palmarès importante di successi professionali.
Nel gennaio 2013 vince il concorso Coppa d’oro, categoria cioccolatieri, per partecipare nel 2014 alla Coppa del Mondo della Gelateria con il team Italia che conquista il secondo posto.
Nel 2015 diventa Campione italiano di Cioccolateria al World Chocolate Masters Cacao Barry; nell’ottobre dello stesso anno si classifica tra i primi cinque alla finale mondiale al Salone del cioccolato di Parigi e in questa competizione viene premiato per il miglior dessert al mondo con il “Trionfo di Cioccolato e lamponi”.


TIRAMISÙ monoporzione

1. PASTA FROLLA AL CACAO E ALL’ORZO TOSTATO

  • burro 200 g
  • zucchero semolato 20 g
  • tuorlo zuccherato 330 g
  • farina debole 430 g
  • orzo macinato e tostato 50 g
  • lievito chimico 3 g
  • sale 1 g
  • baccello di vaniglia 1

Procedimento

  • In una planetaria con foglia sabbiare il burro con metà farina.
  • Aggiungere lo zucchero, successivamente i tuorli con i semi di vaniglia estratti dal baccello e infine la rimanente farina, l’orzo, il lievito chimico e il sale.
  • Stendere la frolla su una teglia e lasciare riposare in frigorifero fino a raffreddamento avvenuto.
  • Stendere allo spessore di 3 mm e coppare dischetti da 8 cm di diametro. Per una cottura ottimale utilizzare teglie forate. Cuocere a 170°C per 10 minuti a valvola aperta.

Composizione


2. Anello di cioccolato

3. Cremoso al mascarpone

4. Biscuit al caffè

5. Chablon al cioccolato

 


A cura di Massimo Carnio

Tags
Mostra di più
Back to top button
Close
Close