Zoom

Superfood 2018

Sta volando alle stelle la popolarità della moringa - pianta di cui si sono recentemente scoperte le importanti proprietà nutraceutiche - e si fa apprezzare anche in gelateria


Star dell’estate

La proposta del gelato alla moringa è firmata dall’associazione Maestri della Gelateria Italiana. All’ultimo Sigep hanno presentato le novità protagoniste dell’estate; gelati, sorbetti, stecchi declinati in versione salutistica grazie all’impiego di nobili materie prime in grado di contribuire al benessere dell’organismo appagando contemporaneamente il palato con la ricchezza e l’originalità dei sapori. Arachidi e mirtilli, corbezzolo e caviale di limone, menta selvatica, tè verde ed erbe… ma la stella nascente è la moringa

Una fama antica

La prestigiosa rivista Time ha descritto le sue proprietà salutari e l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite l’ha eletta “coltura del mese” per il gennaio 2018.
Noti nutrizionisti, fra i quali l’americana Kimberley Snyder, le hanno riconosciuto il primato di superfood e ne raccomandano il consumo.
La sua popolarità, del resto, è antica.
Nei secoli è stata utilizzata in India nella medicina ayurvedica che le attribuiva il potere di combattere una gran quantità di problematiche legate al benessere e nell’Africa australe la conoscono tutti, anche i bambini, perché per loro ha sempre rappresentato il mezzo per sconfiggere la fame.

 

“moringa” è tra le keyword
più cliccate sul web

negli ultimi cinque anni


Albero di vita

La Moringa oleifera arriva dalle falde dell’Himalaya, ma è diffusa e cresce spontaneamente in buona parte della fascia tropicale ed equatoriale di tutto il pianeta.
La conoscevano già gli antichi Romani e i Greci che ne sfruttarono le proprietà per uso curativo, alimentare e cosmetico.
Gli antichi Egizi furono tra i primi a utilizzarla anche per le sue qualità depurative dell’acqua; ancora oggi, infatti, nella Valle del Nilo è conosciuta come Shagara al Rauwaq, “l’albero che purifica”.

 

 

le foglie di moringa possono essere
utilizzate per la preparazione
di un tè dall’effetto depurativo


Numeri da primato

La moringa ha un contenuto di sostanze vitali molto elevato. Tanto per fare un confronto, contiene quattro volte la vitamina A delle carote, tre volte il potassio delle banane e il quadruplo del calcio fornito dal latte vaccino.
Il quantitativo di vitamina C è sette volte maggiore rispetto alle arance. Le proteine rappresentano il 25 per cento e sono caratterizzate dalla presenza di tutti gli aminoacidi essenziali; quarantasei antiossidanti e trentasei antinfiammatori proteggono dall’invecchiamento provocato dall’azione dei radicali liberi.
Il consumo della polvere che si ricava dalle sue foglie, inoltre, rappresenta un alleato prezioso per chi ama troppo i dolci, perché è in grado di controllare il metabolismo degli zuccheri.

Non si butta niente

Corteccia, baccelli, foglie, radici, tutto nell’albero di moringa è commestibile, pure i fiori che possono essere utilizzati crudi nelle insalate, ma anche per preparare tè, tisane e un miele eccellente.
I semi, fonte di grassi buoni, hanno un sapore simile ai ceci; da essi viene estratto un olio simile nella composizione all’olio di oliva con un elevato contenuto di acido oleico e lunga conservabilità.
I baccelli, ancora acerbi, sono cucinati come i fagiolini e dalle radici si ricava una salsa piccante.
Le foglie sono le più utilizzate sia in campo alimentare sia in fitoterapia per produrre integratori naturali.

 

 


Un pizzico di magia

Per questa abbondanza di sostanze nutritive gli esperti consigliano di arricchire zuppe, insalate, contorni, frittate, latte e frullati con una piccola quantità di foglie essiccate in polvere, in modo da regalare all’organismo una giusta ed equilibrata quantità di nutrienti.
Come integratore si può acquistare in farmacia, erboristeria o nei negozi di cibi naturali.
E le sue molte proprietà non sono sfuggite ai gastronomi; da un’idea Green Family Service è nata la Pizza Moringa, marchio registrato, il cui impasto brevettato è realizzato con farina di moringa (si veda www.greenfamilyservice. net).


 

La bellezza delle donne

Gli effetti e le caratteristiche dell’olio di moringa sono noti alle grandi marche dell’industria cosmetica che lo usano per la sua capacità di fissare le fragranze nei profumi, rinforzare e rendere morbidi i capelli e, aggiunto nelle creme, proteggere la pelle dai danni dell’inquinamento e dell’invecchiamento.
Ottimo antirughe, è stato utilizzato da Chanel, che ha arricchito la formula della crema idratante Hydra Beauty Flash con il suo burro; Estée Lauder ne ha usato l’estratto per l’ultima linea di trattamento viso, mentre i laboratori Clarins lo applicano nella crema struccante.
È molto usato in aromaterapia ed è indicato per massaggi perché dona alla pelle una consistenza setosa.

Un gelato singolare

Moringa “Sorbetto degli Dei” è stato creato da Candida Pelizzoli, attuale presidente dell’associazione Maestri della Gelateria Italiana e titolare dell’Oasi American Bar della provincia di Bergamo.
Questo gusto – come altri studiati e realizzati dalla maestra gelatiera – si inserisce in un percorso di ricerca di ampio respiro che ha dato vita a una nuova linea, quella dei gelati  funzionali.
“Gelati – sostiene Candida Pelizzoli – realizzati combinando fra loro materie prime con proprietà nutraceutiche ben definite che, una volta congiunte, possono rappresentare un valido alleato contro diversi disturbi”.
Un progetto che, nel gennaio 2017, le è valso il premio speciale Gusto & Salute del Gambero Rosso.

 

MORINGA SORBETTO DEGLI DEI

 

Ingredienti:
500 g di acqua
330 g di sciroppo di zucchero 55% con fibre 2%
100 g di limone spremuto
50 g di banana
20 g di inulina
15 g di foglie di moringa in polvere
Procedimento: unire tutti gli ingredienti e lasciarli in
infusione per almeno quattro ore, in modo da esaltare
la particolarità del gusto.

25

 


A cura di Annamaria Andreasi

 

Tags
Mostra di più
Close
Close

INIZIA A SOGNARE...

SCOPRI DI PIÙ