Eventi e fiere

Edizione Lunare

L’ultima edizione del Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianali e Caffè di Rimini si è svolta all’insegna dell’eclissi totale di luna, avvenuta esattamente il 21 gennaio, evento astronomico che si ripeterà solamente fra dieci anni.

E a proposito di luna, cinquant’anni fa, il 20 luglio 1969, la navicella Apollo 11 si posava sul nostro satellite; il primo a camminare sulla sua superficie fu Neil Armstrong, seguito dal compagno Edwin Aldrin, detto Buzz. Sulla Terra milioni di persone poterono seguire in televisione l’emozionante evento.
Anche Sigep-IEG quest’anno festeggia un bel traguardo, la 40esima edizione; “40rty for the future” è il logo che IEG ha scelto per omaggiare l’eccellenza delle cinque filiere rappresentate e il percorso intrapreso finora.
Risale al 1980 la prima edizione di Sigep, allora Salone della Gelateria e della Pasticceria, con 9500 metri quadri di padiglioni, 180 espositori e 30mila visitatori. Nel 1997 si aggiunge la sezione della panificazione e debutta la prima edizione del Campionato Italiano di Pasticceria; nel 2002 il Salone si trasferisce nel nuovo quartiere fieristico. Nel 2006 prende il via la Coppa del Mondo della Gelateria, mentre nel 2011 si svolge la prima edizione di Sigep Gelato D’Oro; nel 2012 si inaugura il concorso The Pastry Queen, dedicato alla professionalità femminile.
Nel 2017 il nome della manifestazione registra lo sviluppo del settore caffè e diventa Salone Internazionale della Gelateria Pasticceria e Panificazione Artigianali e Caffè.


Quando spunta la luna il mare
copre la terra e il cuore
diventa isola nell’infinito

Sono i versi del poeta spagnolo Federico García Lorca. Lo scorso gennaio “è spuntata” la quarantesima edizione di Sigep; si è inaugurata con la partecipazione di Gian Marco Centinaio, ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, che ha sottolineato come questa fiera “valorizzi un made in Italy che tutto il mondo cerca di copiare”; erano presenti anche il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, il presidente di Italian Exhibition Group Lorenzo Cagnoni e l’assessore al Commercio e al Turismo della Regione Emilia Romagna Andrea Corsini.
Al termine il brindisi con il taglio della torta monumentale recante il logo “40rty for the future”.

 

L’altro mondo o Gli stati
e gli imperi della luna

Il romanzo di Savinien Cyrano de Bergerac, filosofo e scrittore francese che ha ispirato la famosa opera teatrale Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand, descrive un viaggio fantastico sulla luna in cui il protagonista, con il suo volo in alto, amplia le proprie conoscenze. Guardare al futuro del fuori casa in un’ottica allargata è stato lo scopo dell’opening talk “Future is now! Lo scenario del foodservice dolce nel mondo: innovazione e internazionalizzazione. Tendenze, nuovi format, case history di successo”, che ha aperto il Sigep.
Dopo i saluti del ministro Gian Marco Centinaio, i vari interventi hanno analizzato l’evoluzione del foodservice, il ruolo svolto dal comparto dolce e caffè e hanno fornito spunti utili per gestire l’attività. Stanno cambiando i modi, i tempi e i luoghi del consumo del cibo e i confini tra i settori si assottigliano, dando vita a uno scenario nuovo in cui contaminazione, standardizzazione e innovazione sono i driver fondamentali.

 


Il sole manda la sua luce alla luna

È un pensiero di Anassagora, filosofo greco vissuto nel IV secolo a.C., il primo a importare la filosofia nella penisola greca, più precisamente ad Atene. Si è parlato, invece, dell’esportazione del gelato italiano al convegno “L’export per la filiera del gelato artigianale: come si favorisce il made in Italy”. L’incontro ha visto la partecipazione del ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio e dei rappresentanti delle associazioni di categoria. Nicola Netti e Nicola Pieruccini rispettivamente presidente e direttore tecnico della Federazione Italiana Gelatieri che ha promosso il convegno; Roberto Leardini, presidente del Gruppo Prodotti per Gelato dell’Unione Italiana Food; Gianfranco Tonti, Presidente di Acomag; Ugo Ravanelli, amministratore delegato IEG. Moderatore era Franco Cesare Puglisi, editore di puntoIT. Si è dibattuto sulla rilevanza delle associazioni dei gelatieri nel diffondere la cultura del gelato italiano nei mercati esteri e sull’importanza della formazione; sul problema dei finti marchi italiani in alcuni Paesi e della crescita delle barriere doganali

L’ultima luna

Famosa canzone di Lucio Dalla del 1979. “L’ultima luna la vide solo un bimbo appena nato…. era l’uomo di domani”, è, quindi, la speranza nel futuro.
La squadra selezionata a Sigep Gelato d’Oro rappresenta la speranza italiana di conquistare la Coppa del Mondo del 2020. A vincere sono stati il gelatiere Eugenio Morrone, il pasticciere Massimo Carnio, lo chef Marco Martinelli e la scultrice di ghiaccio Michela Ciappini che ha ceduto il posto dopo la vittoria a Ciro Chiummo (per tutti i dettagli il servizio è a pagina 45).

 


Non voglio mica la luna

Mentre così canta a gran voce Fiordaliso, i concorrenti di Gelato Festival, in contrappunto, possono intonare… ma le corone sì. A inizio aprile si festeggiano i dieci anni di vita del Festival nell’edizione che dà il via a un tour di tappe in tre continenti, con mille gelatieri coinvolti. La novità si chiama World Ranking, una graduatoria mondiale permanente, aggiornata ogni anno, che coinvolge i gelatieri che negli ultimi dieci anni hanno partecipato al Festival, più quelli che sono intervenuti al Gelato World Tour, fino a coloro che proseguiranno per accedere al torneo internazionale finale, il World Masters 2021.
Accumuleranno punti durante il tragitto, tradotti in “corone” (da una fino a un massimo di cinque), in una gara entusiasmante per conquistare la corona trionfale che nella mitologia classica simboleggiava la gloria (per saperne di più leggere il servizio di pagina 191). 


 

 

Dee della Luna

Selene, Artemide, Ecate, Perseide. Sono le dee legate alla luna secondo la religione dell’antica Grecia.
Selene personifica la Luna piena, Artemide quella crescente, Ecate quella calante e Perseide quella nuova. Quattro le divinità e quattro i concorsi dell’Associazione Italiana Gelatieri per promuovere la bravura degli artigiani del dolce freddo e tenere viva la memoria del suo storico presidente Alberto Pica. Taguchi Yamamoto si è aggiudicato la medaglia d’oro del concorso “Sorbetti dal mondo”.
Valter Scarponi ha prevalso nella gara “Gelato gusto zabaione”. Paolo Fornaciari è salito sul gradino più alto del podio delle “Mille idee per un nuovo gusto”. Rosario Nicodemo ha vinto la gara “Eccellenza delle torte gelato”.
I primi classificati ai quattro concorsi si sono sfidati per il titolo di “Miglior gelatiere dell’anno” che è andato a Paolo Fornaciari. L’associazione, inoltre, ha sostenuto la competizione “Eccellenza”, riservata agli Ambasciatori del Gelato nel Mondo e ai Cavalieri del Gelato Italiano, che è stata vinta da Mario Serani e ha promosso la presentazione del gelato a basso contenuto di zucchero aggiunto e del progetto Gelato World Heritage


Luna di miele

Un felice sposalizio fra il gelato e il miele da parte dei Maestri della Gelateria Italiana che, nel loro percorso di sperimentazione e proposte innovative, a Sigep hanno presentato elaborati aventi come comune denominatore proprio questo straordinario dolcificante naturale.
L’iniziativa faceva seguito all’interessante Simposio tenuto in novembre alla Scuola Italiana di Gelateria di Perugia, in cui era intervenuta la dottoressa Lucia Piana, esperta di primo piano sul tema. Nella giornata di lunedì 21 il programma ha visto la partecipazione di diciassette Maestri e anche l’intervento di Lucia Piana, supportata da Lucia Patalacci, Presidente dell’Associazione apicultori umbri. Tema dell’incontro, come riconoscere un buon miele e le sue più importanti caratteristiche.


Luna Rossa

Il nome della famosa barca a vela italiana, che vinse nel 2000 la Louis Vuitton Cup, richiama lo stesso colore del melograno, che è stato il frutto prescelto dalla commissione per le creazioni in gara nel Campionato Mondiale Granita alla siciliana – Premio Polvere di Stelle, organizzato dalla Federazione italiana gelatieri.
È stato Massimo Esposito, titolare del “Caffè Foyer” di Catanzaro, ad aggiudicarsi la vittoria. Al secondo posto si è classificato Luca Cacciaferro de “La Compagnia dei Dolci Siciliani” di Follonica (Grosseto); al terzo Bertino Maria Tindari de “Il Ritrovo dell’Orchidea” di Oliveri, (Messina). Sempre la Federazione ha curato lo svolgersi del Concorso internazionale Gelato al Pistacchio Premio Carrettino d’Oro.
Prima classificata Laura Mesa della “Gelateria Ottimo” di Santa Cruz (Bolivia); secondo, Bertino Maria Tindari de “Il Ritrovo dell’Orchidea” di Oliveri (Messina); sul terzo gradino del podio è salito Alessandro Squatrito de “Il Ritrovo dell’Orchidea”.

Astolfo sulla luna

È il titolo del trentaquattresimo canto dell’Orlando furioso di Ariosto, dove si narra del viaggio di Astolfo sulla luna, appunto, per recuperare il senno perduto di Orlando.
Anche il percorso che ha portato all’uscita della guida del Gambero Rosso “Le Gelaterie d’Italia 2019” è stato all’insegnadi una ricerca, quella delle migliori gelaterie italiane.
Quest’anno i Tre Coni risultano 43, con 5 nuovi ingressi. L’Emilia Romagna, come l’anno scorso, è la regione con il più alto numero di Tre Coni. Il gelatiere emergente è Davide Frainetti di “Caffè del Duomo” di Terracina, mentre il premio per il migliore gelato al cioccolato va a Claudio Torcè di Roma. Il migliore gelato gastronomico è di Stefano Guizzetti della gelateria “Ciacco” di Parma; “L’albero dei Gelati” di Monza si aggiudica il premio sostenibilità.
Questa terza edizione, inoltre, esce con una novità, una mini guida dedicata al gelato del pasticciere.


Alla luna

In questa ode Giacomo Leopardi si rivolge al corpo ce – leste lontano con parole all’inizio dolci, come se si rivolgesse alla donna amata. “Diletta” è definita e diletto è il gelato artigianale agli italiani secondo i risultati di una ricerca presentata dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi – Fipe.
Nell’ambito della tavola rotonda dal titolo “Il gelato artigianale nel vissuto degli italiani” è emerso come la passione per il dolce freddo resista ai cambiamenti sociali e agli stili alimentari.
L’indagine ha analizzato il consumo, le caratteristiche e i luoghi del gelato artigianale, che è consumato abitualmente dal 94,2 per cento degli intervistati. Sono apprezzati innanzitutto il gusto e la bontà delle materie prime, poi la sensazione di refrigerio.
L’occasione di uscire o fare una pausa è un’altra importante motivazione per gustare un mantecato,prevalentemente ai gusti di crema serviti su un cono.
Il 68,3 per cento sceglie gli stessi gusti e lo fa soprattutto in una gelateria specializzata.

Mune – Il guardiano della luna

“Un’avventura estetica, l’immersione in un poema visivo” è stato definito il film d’animazione che ha per protagonista il giovane fauno Mune. Un’immersione in un poema visivo l’ha offerta anche Editrade con il suo stand. Un allestimento che ha puntato su una grafica accattivante giocata su libri e pensiero creativo e su una teca in cui è stata esposta la scultura di Germano Casone dedicata all’ultima pubblicazione della casa editrice, SweetMood.
L’opera, in creta, ha riprodotto un volume aperto, in cui si legge la frase di Charles Bukowski “Life is as Sweet as you let it be” (La vita è “dolce” se glielo concedi), circondato da piccoli pasticcieri che giocano tra le pagine.
Lo stand, inoltre, si è trasformato in una redazione temporanea in occasione della visita degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Alighieri” di Rimini, coinvolti nella preparazione di un tema sull’evento Gelato Day.
A rendere più emozionante la mattinata è stato l’arrivo in stand di Ferdinando Buonocore che ha raccontato ai ragazzi come è nata e come si è sviluppata questa importante iniziativa.


La luna ha vent’anni

Il titolo della canzone dei Pooh come omaggio alle dodici squadre composte da tre pasticcieri di non oltre 23 anni che hanno partecipato alla gara per assicurarsi la vittoria nel Campionato Mondiale di Pasticceria Juniores, il concorso nato da un’idea di Roberto Rinaldini che si tiene a Sigep ogni due anni.
È un’occasione stimolante, altamente formativa per le giovani leve che vogliono mettere alla prova le loro capacità e intraprendere una carriera di successo. Il tema del concorso era Volare e doveva essere illustrato attraverso elaborati artistici con gli ingredienti dei dolci richiesti dal regolamento: scultura in zucchero e in cioccolato, cioccolatini, torta da forno moderna al cioccolato, dessert al piatto, dessert al bicchiere realizzato con ingredienti tipici del proprio Paese.
Le squadre dovevano cercare di trovare nuove forme, linee innovatrici ed effetti decorativi iper moderni per dare ampio spazio all’immaginazione. La competizione ha visto la vittoria dell’Italia su Francia e Singapore. I giovani Filippo Valsecchi e Vincenzo Donnarumma – allenati da Davide Malizia – sono saliti sul gradino più alto.


La luna e sei soldi

È il romanzo di William Somerset Maugham, scritto nel 1919, dove viene evocata la vita del pittore Paul Gauguin e la passione che muove gli artisti.  “L’Arte in tutte le sue forme” era quest’anno il tema del Campionato Italiano Pastic ceria Juniores. Ha vinto il titolo di campione Andrea Buosi, di Venegono Superiore in provincia di Varese, seguito da Luca Bnà e Miriam Riggio.  I concorrenti si sono affrontati nell’elaborato artistico in zucchero e pastigliaggio o cioccolato, oltre che nelle prove della crostata moderna e della monoporzione di tiramisù al caffè. Nella categoria Seniores, con il tema “l’arte”, l’imolese Alessandro Bertuzzi è il campione italiano di pasticceria; secondo classificato Raimondo Esposito, della Costa d’Amalfi, che precede Federico Cattozzo di Varese.

E la luna bussò

Alla selezione italiana di The Pastry Queen la “regina” alla cui porta ha bussato la luna – come recita la canzone di Loredana Bertè – è Sharon Coppola. Le migliori pastry lady italiane si sono sfidate, nella giornata di lunedì, a colpi di creatività per superare tre prove ispirate al tema “The Queen Butterfly”. Sharon se le è aggiudicate tutte: presentazione artistica in zucchero o cioccolato, dessert al piatto innovativo, miglior torta a tronchetto e premio pulizia e organizzazione del laboratorio. Rappresenterà l’Italia al Campionato Mondiale di Pasticceria Femminile nel 2020.

 

 

 

 


La Piramide della Luna

Sorge nell’area sacra di Teotihuacan, una città precolombiana (oggi importante sito archeologico) che fu sede, nel tempo, anche dei Maya e degli Atzechi, popolazioni cui Modica è legata da un filo invisibile, quello di una tecnica di lavorazione del cioccolato davvero unica. Un’arte che è stata coltivata nella Contea di Modica fin dal 1700 e oggi vede quarantasette produttori del territorio associati in un Consorzio di Tutela.

A confermare l’alta qualità del prodotto è giunta l’IGP, la prima con “Passaporto digitale”, un sistema che, tramite un contrassegno personalizzato posto su ogni confezione del prodotto, collegato con un’app, permetterà al consumatore di verificare in modo immediato autenticità, tracciabilità e genuinità del cioccolato.
Il progetto, realizzato dal Poligrafico dello Stato con la supervisione di CSQA Certificazioni e della Fondazione Qualivita, è stato presentato al Sigep in un convegno, alla fine del quale i Maestri cioccolatieri hanno preparato in diretta il cioccolato di Modica, con degustazione finale.


Per te ho progetti più importanti… Luna!

Così recita un verso della canzone di Gianni Togni che nel 1980 ha spopolato tra i giovani svettando a lungo in cima alle hit parade. Certamente impegnativi saranno i progetti di vita e di professione dei partecipanti a Sigep Giovani. L’iniziativa, che è stata inserita quest’anno nel calendario degli eventi della Pastry Arena, sostiene la formazione giovanile.
Gli alunni degli istituti professionali coinvolti nella gara, organizzata dalla rivista “Pasticceria Internazionale” e da IEG in collaborazione con Conpait e Cast Alimenti, sono stati impegnati a preparare un tiramisù in versione classica e sei monoporzioni dello stesso dolce rivisitato in chiave moderna e ad assemblare un’alzata in pastigliaggio. La medaglia d’oro è andata alla scuola Engim Veneto E. Reffo di Tonezza del Cimone (Vicenza), quella d’argento all’I.f.p.a. – Istituto di formazione professionale alberghiero di Rovereto (Trento) e quella di bronzo alla scuola Ial Lombardia di Saronno (Varese).


Guarda che luna

Cantava con la sua inconfondibile voce il mitico Fred Buscaglione contemplando di sera il cielo e il mare. Un’accattivante sfilata di dolci da vari Paesi del mondo è stata contemplata in occasione dell’International Pastry Camp. Il progetto, che punta alla formazione di giovani pasticcieri per portarli a competere nelle gare mondiali, si è aperto per la prima volta a scuole estere. Sono arrivate da Au – stralia, Cina, Croazia, Filippine, Francia, India, Russia e Usa delegazioni di studenti, accompagnati da un pastry teacher, che hanno presentato  i dolci della loro tradizione. Un’occasione per condividere saperi e storie. Dal tipico strudel con mele e noci proposto dalla Croazia al dolce composto da marshmallow e uno strato di cioccolato racchiuso tra due pezzi di cracker presentato dagli Stati Uniti, dalla pralina Paris-Brest tipica della Francia all’involtino fritto a base di banana caratteristico delle Filippine, dalla cheesecake indiana con frutta secca e zafferano al Bird Cherry Cake russo con mirtilli, mele e ciligie. Le loro preparazioni hanno offerto differenti spunti di approfondimento.


Fiore di luna (Moonflower)

Un fiore bianco dalla corolla delicata consente di sbizzarrirsi nella composizione di grandi mazzi misti e decorazioni. Proprio per diffondere la cultura dell’estetica, l’ultima edizione Sigep ha rinnovato l’appuntamento con il Glamour Italian Cakes, un laboratorio espositivo e formativo aperto a tutti dedicato alla decorazione dolciaria. Quest’anno spazio a un’esposizione speciale di torte monumentali firmate da grandi artisti della pasticceria, dedicate ai 40 anni di Sigep; a questa si è aggiunto un interessante programma di demo live sull’estetica del dolce.

È un’iniziativa concepita e promossa da Pasticceria Internazionale, Tervi e Cookery Lab, in sintonia con Italian Exhibition Group.

Dalla terra alla luna

Dal proprio laboratorio alla ribalta di Rimini. Questo il “viaggio” che pasticcieri, gelatieri, cuochi, sulle orme dei personaggi principali del celebre romanzo di Jules Verne, hanno compiuto per animare l’area Pastry & Culture. Organizzato da Conpait, l’evento ha puntato i riflettori su “La pasticceria in ristorazione tra nuove tendenze e tradizione” con master class tenute da pastry chef della Confederazione Pasticcieri Italiani in collaborazione con la Federazione Italiana Cuochi.  

Ha offerto nel “Tiramisù Talent Show” le originali interpretazioni di diversi maestri di questo dolce simbolo del nostro Paese. È ritornato il panettone, eletto nel 2017 l’Ambasciatore del dolce italiano nel mondo, con nuove proposte e spunti.
Infine un interessante confronto sui dolci tipici regionali per far conoscere un patrimonio ricco e straordinario. Inoltre, l’area Pastry ha ospitato dimostrazioni di gelatieri e lezioni di pasticceria e gelateria per bambini.


Stregata dalla luna

Stregata dalla luna, ossia dalla magia dell’innamoramento, la protagonista del film, Cher, che vinse l’Oscar 1987 come migliore attrice; stregato cioè “catturato” dall’atmosfera di suspance il pubblico intervenuto alla cerimonia di consegna del premio Comunicando. La tredicesima edizione dell’evento organizzato dalla casa editrice Editrade per valorizzare le migliori campagne pubblicitarie uscite sulle riviste di settore è stato caratterizzato da diverse novità. Tutte da scoprire andando a leggere il servizio da pagina 98.


Moonwalker

Il film di Michael Jackson del 1988 è diviso in sei parti, Man in the mirror, Bad, Speed demon, Leave me alone, Smooth criminal, Come together.
Altrettanti sono i Campionati Italiani Baristi disputati al Sigep. Ecco quindi il Campionato Italiano Baristi Caffetteria, dove si è classificato al primo posto Giacomo Vannelli di Cortina. Manuela Fensore è la vincitrice del campionato Italiano Latte Art. Il Campionato Italiano Brewers Cup verte sul metodo “pourover”, un sistema di filtrazione dove il barista versa l’acqua calda sulla polvere di caffè trattenuta da un filtro; vincitore Alessandro Galtieri di Bologna. Il più bravo nei cocktail alcolici del Coffee in Good Spirits è Marco Poidomani di Modica. Infine il campione di Ibrik, il caratteristico pentolino utilizzato in Medio Oriente e Nord Africa, è, per la terza volta consecutiva, Simone Cattani di Verona, mentre Francesco Sanapo ha vinto il campionato Cup Tasters.


The dark side of the moon

È lo storico album dei Pink Floyd pubblicato nel 1973, considerato uno dei migliori di tutti i tempi. Il titolo si riferisce metaforicamente al lato buio della luna, ovvero agli aspetti che sfuggono al controllo razionale dell’animo umano; così come la tostatura potrebbe rappresentare il lato scuro del chicco di caffè, quando assume il caratteristico colore bruno. Michele Anedotti è il Campione Italiano di Coffee Roasting, seguito da Moritz Hofer e Luigi Paternoster al terzo posto. Vincitore del World Coffee Roasting Championship è il russo Vladimir Nenashev.


Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle

Frase toccante del cantico di San Francesco d’Assisi. Il gusto dolce del gelato per esaltare i valori della fraternità. Nella mattina del 23 gennaio Sigep ha ospitato i 130 ragazzi, dagli 11 ai 13 anni, che hanno partecipano all’ultima edizione di Non conGelateci il Sorriso, il progetto di prevenzione del bullismo nelle scuole che da dodici anni impegna un’intera comunità: la scuola, le gelaterie e le loro associazioni, il Sigep, il Comune di Rimini, la Fondazione Francolini.
La novità quest’anno è stata un “Manifesto per la comunicazione gentile”, cento parole di rispetto e di amicizia elaborate dai ragazzi che durante l’anno hanno lavorato, attraverso diverse modalità rappresentative (da quelle teatrali ai video clip), per narrare come rispetto e dialogo possano sconfiggere sopraffazione e bullismo. Nell’ambito del workshop dell’ultimo giorno di fiera è stato presentato il Manifesto e le “parole gentili” sono state raccolte e regalate alle trentasette gelaterie di Assaggi di amicizia per essere offerte insieme alla degustazione di un buon gelato artigianale; gusto prescelto CR7, ispirato a Cristiano Ronaldo e realizzato da Leonardo La Porta della “Gelateria Miretti” di Torino in collaborazione con Domenico Lucchese. I ragazzi, inoltre, sono stati protagonisti di numerose iniziative a contatto con gli espositori resisi disponibili.


Tramontata è la luna

Come suggerisce questa breve lirica della poetessa Saffo, il tramonto della luna sembra segnare un congedo, non dalla notte in questo caso, ma dallo spettacolo pirotecnico della fiera del dolce. Per il sesto anno consecutivo, al termine dei cinque giorni della manifestazione, il gelato rimasto inutilizzato dagli espositori si è trasformato nel Gusto della solidarietà; è stato destinato alla vendita (a offerta libera) presso il centro commerciale I Malatesta di Rimini e l’incasso è stato usato dal Banco della Solidarietà di Rimini per acquistare generi alimentari da destinare a famiglie del territorio in difficoltà.
In tutto sono stati raccolti 16.500 euro (l’anno scorso si raggiunsero i 15.995 euro) e alle 3.300 vaschette acquistate al centro commerciale se ne sono aggiunte altre 1.200 donate a parrocchie, Caritas e Mensa dei Poveri di Sant’Antonio. In totale, quasi sette tonnellate di gelato.

a cura di Samanta Alessi

 

 

Tags
Mostra di più
Close
Close

SCOPRI LA RICETTA MAGIC UNICORN...

VAI