Intaglio frutta

La grande mela

Un’ampia coppa colorata per dare il benvenuto alla prossima primavera.

Un effetto scenografico assicurato grazie al contrasto cromatico dei frutti scelti e intagliati con maestria. Un ulteriore tocco di opulenza con l’inserimento di una delicata foglia di cialda e tre di ananas che spiccano sull’intero elaborato.

Coppa gelato con frutta scolpita da Beppo Tonon.
Un trionfo di piccoli fiori di diversi frutti: banana, pera, uva bianca, fragola, prugna. Due gli attrezzi. Con un coltello liscio oppure con uno scavino incidere i quattro spigoli di un cubetto di frutta e poi ruotare una parte in senso orario e l’altra antiorario per staccare le due parti e ottenere il fiore. Al centro dei fiore adagiare un chicco di ribes che riproduce il pistillo. Procedere con l’albicocca e con uno scavino incidere, nella zona mediana, il frutto dall’esterno verso l’interno, togliere il nocciolo e sostituirlo con una piccola fragola. La rosa di mela è realizzata tagliando il frutto in orizzontale e utilizzando la parte inferiore; per creare i petali utilizzare un coltello a lama liscia, fare quattro tagli semicircolari intorno alla sezione. Procedere con un taglio circolare all’interno e togliere la parte in eccesso; ripetere l’operazione finché si ottiene una corolla. Decorare la coppa con lamponi e fette di kiwi.

Consiglio: scegliere una coppa ampia a stelo lungo alla cui sommità la colorazione del vetro riprenda il colore di alcuni frutti e contrasti con le tonalità chiare degli altri.

ROSONE GOTICO

Una composizione maestosa ed elegante da offrire a chiusura di una cena, con una semplice spruzzata di liquore, oppure come antipasto con fette di prosciutto crudo. Le due varietà di melone interrompono la monotonia del colore e creano, con semplicità, la dolce dinamicità dell’elaborato.

Piatto di frutta scolpita con melone bianco e giallo per gelateri.
Prendere un pompelmo rosa, rigare in modo perpendicolare la scorza con lo scavino prima di effettuare il taglio delle fette; occorre delicatezza nella lavorazione del frutto per evitare di danneggiarlo. Tagliare il frutto e adagiare le fette nel centro del piatto. Scegliere un melone d’inverno e un cantalupo, il cui profumo non deve essere troppo intenso, elemento che indica una maturazione troppo avanzata. Con un coltello affilato togliere la buccia al primo melone e tagliarlo a metà, con un’affettatrice tagliare in senso trasversale. Lo spessore del taglio va calibrato con attenzione in modo che la fetta possa essere ripiegata a onda su se stessa. Dividere in due il melone cantalupo e con uno scavino rigare la superficie in senso perpendicolare alla direzione degli spicchi; con una mandolina a lama liscia affettare il frutto e piegare le fette disponendole a raggiera.

Consiglio: utilizzare un piatto tondo, preferibilmente nero, per esaltare i colori tenui della composizione.

 


a cura di Beppo Tonon – foto di Studio Phototecnica

Mostra di più
Close
Close